Scienza

Come sarà l’uomo del 3000: basso, gobbo, con un cervello piccolo e mani ad artiglio

todayNovembre 8, 2022 3

Background
share close

3000Nel 3000 saremo veramente bruttissimi. I ricercatori dell’azienda americana Toll Free Forwarding ha ‘creato’ l’uomo del futuro. Il prototipo si chiama Mindy, una donna che di certo non risponde ai canoni estetici di questo millennio. L’eccessivo uso di apparecchiature elettroniche come smartphone, tablet e pc potrà portare, secondo questa ricerca statunitense a diventare gobbibassi, con il cervello piccolo gli occhi spiritati e le mani ad artiglio. Deformati, è proprio il caso di dirlo, dalla tecnologia.

La tecnologia ha plasmato non solo le nostre vite, ma nel lungo termine riuscirà a plasmare anche i nostri corpi. L’aumento della produttività ha permesso di imparare nuove competenze, ci ha resi più connessi, almeno virtualmente, ma contemporaneamente sta influendo anche sulla nostra salute attraverso l’uso intensivo del computer, dello smartphone, del tablet che ha conseguenze sulla postura, sulle gestualità ripetitive, sulla nostra condizione psicofisica.

Il provocatorio prototipo ha la funzione di evidenziare dove la tecnologia ci sta portando più che predire il futuro. Questo non è il primo lavoro che prova a prevedere come sarà l’evoluzione dell’uomo. In passato si è anche parlato di cyber uomini dagli occhi enormi, di esseri con un cervello più grande e organi sessuali più piccoli o di antropomorfi evoluti per resistere a incidenti stradali.

Tra le caratteristiche più evidenti dell’uomo del 3000 c’è la gobba, dovuta alle molte ore che si trascorrono a guardare gli schermi dei dispositivi elettronici. La schiena progressivamente perderà la sua linea a ‘S’ per avvicinarsi a una curva a ‘C’, con la testa protrusa rispetto all’asse del bacino per la tendenza a curvarsi. Gli effetti sul collo saranno inevitabili.  Diventerà più corto e largo del normale. Mindy ha infatti quello che è chiamato collo tecnologico per via dello sguardo rivolto dall’altro verso il basso che ne indolenzisce i muscoli, costretti a un lavoro extra per mantenere dritta la testa.

Non può passare inosservata la mano ad artiglio, altra deformità immaginata e piuttosto inquietante e che descrive la posizione che ogni giorno assume il nostro arto per tenere il cellulare. Il dottor Nikola Djordjevic di Med Alert Help spiega che si tratta di una condizione nota come “sindrome del tunnel cubitale” e che, assieme al gomito piegato ad angolo retto, può innescarsi proprio a causa dell’uso intensivo del telefonino.

Contrariamente a quello che si è sempre immaginato sull’evoluzione dell’uomo il suo cervello, secondo questo studio, nel 3000 non si ingrandirà, bensì il contrario. Il rimpicciolimento del nostro organo più importante sarà dovuto alle tecnologie a disposizione che non richiederanno più un lavoro di memoria o particolari performance intellettive che saranno invece sostituite dalle ‘intelligenze artificiali’.

L’ultimo cambiamento di Mindy, e forse quello che fa più impressione, è la terza palpebra. La ricerca sugli schermi che causano mal di testa, affaticamento degli occhi è ben consolidata. Per limitare i problemi agli occhi causati dall’ esposizione alla luce dei dispositivi elettronici Mindy potrà sviluppare quindi una terza palpebra interna.

Written by: Vikonos

Rate it

Previous post

Investita

Curiosità

Investita tre volte dalla sua stessa auto

Una donna di 45 anni è stata investita per ben tre volte dalla sua stessa auto giovedì 3 novembre a San Gallo, in Svizzera: ora è ricoverata in gravi condizioni dopo un incidente dalla dinamica davvero sorprendente. Secondo quanto riferito dai media locali, intorno alle 13 la donna è scesa dalla sua auto in una zona residenziale di San Gallo per prendere qualcosa dal bagagliaio. Il veicolo, lasciato in leggera […]

todayNovembre 7, 2022 18

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


0%