Sport

Sosa: “Non potevo festeggiare la vittoria del Mondiale in un posto migliore di Napoli”

todayDicembre 19, 2022 32

Sfondo
share close

Pronto chi PampaL’ex attaccante del Napoli, Roberto Carlos Sosa, è intervenuto a Febbre a 90, in onda su Vikonos Web Radio/Tv. Ecco le sue dichiarazioni: 

Giuro che non ho più voce! L’Argentina ha fatto 80 minuti straordinari cercando di pressare la Francia, potevamo anche fare il 3-0, poi all’improvviso la gara si è riaperta: non aveva toccato palla, poi Mbappè si è svegliato e stava per rovinarci la festa.

Ai tempi supplementari sono sbiancato, non riuscivo a parlare, temevo il peggio: il calcio è questo, alla parata di Damian Martinez su Kolo Muani mi sono coperto il viso, come in un film horror, non volevo guardare cosa accadeva. Durante i calci di rigore, invece, ero abbastanza tranquillo, abbiamo un grande portiere, che nello stile un po’ ricorda Sergio Goycochea, Martinez forse è più completo di lui, è stata una gioia indescrivibile.

La partita, comunque, è stata stupenda, certamente enfatizzata dal fatto che è stato l’ultimo Mondiale di Messi e Di Maria, certe emozioni solo il calcio te le può regalare.

 

“Argentina e Napoli campioni come nell’86-87? Speriamo la coincidenza si ripeta…”

Come ho festeggiato? Scendendo in giro per Napoli, naturalmente. E non avrei potuto scegliere un posto migliore per farlo! Napoli è stata fantastica, già ieri mattina ero a piazza Dante, ho incontrato migliaia di argentini che già festeggiavano per godersi il momento – e dico ai napoletani di godersi già questo Napoli fantastico – poi dopo la vittoria sono andato ai Quartieri Spagnoli, al murales di Diego. Volevo andare personalmente a ringraziarlo perché è stato lui a spingerci verso la vittoria. Oltretutto c’è un’immagine in cui Leo, durante i rigori, con il volto rivolto verso l’alto dice inequivocabilmente “Dai Diego, pensaci tu”.

Leo ama Maradona, come tutti noi. Basta con i paragoni inutili, godiamoci Messi come ci siamo goduti Maradona. Godiamoci lui, l’Argentina ed ora pensiamo al Napoli, e a questo campionato che non vediamo l’ora riprenda. Tra l’altro, nell’86 Diego trascinò l’Argentina alla vittoria in Messico, e nell’87 il Napoli vinse il suo primo scudetto: ora nel 2022 la Seleccion è di nuovo Campione, chissà che il 2023 non faccia ripetere la coincidenza…”.

Scritto da: Vikonos

Rate it

Articolo precedente

Ottaiano

Sport

Ottaiano: “Napoli, la sosta ti ha fatto bene”

"La sosta ha fatto bene al Napoli". L'agente FIFA Antonio Ottaiano è intervenuto a Febbre a 90, in onda su Vikonos Web Radio/Tv. Ecco le sue dichiarazioni: "Argentina-Francia sarebbe forse la finale più scontata di questi Mondiali, anche se il Marocco mi ha sorpreso tanto. La squadra nordafricana ha entusiasmo e può anche ribaltare il pronostico, del resto ha eliminato con merito compagini fortissime come Spagna e Portogallo. Ho visto […]

todayDicembre 14, 2022 39

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


Follow us

0%