play_arrow

Pronto, chi Pampa? – Puntata del 18 febbraio 2023

micVikonostodayFebbraio 18, 2023 11

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Pronto, chi Pampa? - Puntata del 18 febbraio 2023 Vikonos


Pronto chi PampaPronto, chi Pampa? Un’esclusiva di Vikonos Radio! Roberto Carlos “El Pampa” Sosa ogni sabato in diretta negli studi di Vikonos!

Ascolta la puntata!

Pronto, chi Pampa? Ogni sabato dalle 11 alle 12

In replica dalle 10 alle 11 (domenica)

“Napoli col pilota automatico. Anche in Champions”

“Il Napoli è uno spettacolo, il Sassuolo gioca pure un buon calcio, i neroverdi meritano i complimenti per aver disputato una bella partita, ma il Napoli ormai ha messo il pilota automatico, conosce il suo percorso, magari può sofrrire un attimo poi, però, alla fine porta a casa la vittoria. Guardate anche il calcio d’inizio di questa squadra meravigliosa: otto uomini sulla linea di centrocampo, il Napoli parte per aggredire immediatamente, anche sulle seconde palle. In Premier League si gioca così.

Se penso poi alla rete realizzate da Osimhen, non solo ieri, ma ad esempio a La Spezia,  l’assist è di Kvara ma chi va in pressione? Lobotka. Ieri è stato Rrhamani a servirgli il passaggio prima del suo gran gol, lui e Kim sono altissimi in pressing. Ormai gli azzurri sanno cosa fare, ha la loro mentalità si vede contro chiunque e devo fare i complimenti ancora al Sassuolo, che non si è snaturato, ha giocato come sa. Oltretutto, se metti il pullman davanti alla difesa è inutile, il Napoli prima o poi ti fa male, tanto vale allora provare ad impensierirlo, quindi bravo Dionisi.

D’altro canto, Salernitana, Spezia, Juve, Roma, tutte hanno messo il pullman e sono state demolite, la sconfitta con l’Inter è stato solo un incidente di percorso, gli stessi nerazzurri hanno perso punti su punti. A Napoli è partito il conto alla rovescia, forse bastano anche meno di 9 vittorie, secondo me tra 6-8 partite lo scudetto sarà matematico.

La sfida con l’Eintracht? Gli azzurri hanno tre giorni per riposare e ritrovare le energie, domani fisiologicamente arriva il responso dei “dolori” del post partita, un eventuale infortunio può essere recuperato proprio in extremis, ma siamo al limite. Turnover? Elmas non è una riserva, Zielinski non è in un momento spettacolare e credo che lui sia il vero jolly di Spalletti, è l’unico dubbio che ho per martedì, poi credo rientrino Lozano e Mario rui.

Domani pomeriggio capiremo anche le consizioni di Osimhen, mi sarei aspettato però che uscisse un po’ prima, ma come ha detto Spalletti lui sembra che fa due metri e poi ne fa duecento, ha una capacità aerobica straordinaria. Il Napoli ha un piccolo vantaggio perché i tedeschi giocano oggi con il Werder Brema, quindi la squadra azzurra ha un giorno in più, mi aspetto che loro facciano turnover. Sono ad 8 punti dal Bayern, hanno il second miglior attacco dopo i bavaresi, ottimi giocatori, un 4-2-3-1 che mette in condizioni gli esterni di aiutare l’attaccante centrale.

Certo, la Champions è un altro palcoscenico, se il Napoli passa il turno deve aspettare il sorteggio senza pressione, non deve vincere la coppa a tutti i costi, il vero obiettivo resta lo scudetto. Evenuali quarti, comunque, sarebbero alla portata, se escludiamo City ed una tra Real-Liverpool e Bayern-Psg, il Napoli se la gioca con tutte. Prima, pero, bisogna battere l’Eintracht.

La griglia Champions? Mi piace molto l’atalanta, è camaleontica, cambia spesso sistema di gioco, ha giovani interessanti che mi piacciono molto, in porta l’argentino Musso è forte. Direi che la griglia sarà con Napoli, Inter, Atalanta ed una tra Roma e Milan, con i rossoneri favoriti per qualità dell’organico”.

Rate it

Follow us

0%